giovedì, marzo 08, 2007

SENZA COMMENTO



Come sapete questo Blog ha ospitato e ospita senza censure notizie aventi rilevanza pubblica.Ho dovuto censurare alcuni commenti, anonimi o di sconosciuti (sui quali ovviamente non ho alcuna responsabilità), presumibimente provenienti da Reggio Calabria, contenenti epiteti, insulti gratuiti, anche con riferimenti alla vita familiare-privata del dott.Eduardo Lamberti Castronuovo.

Dallo stesso editore di Reggio TV e candidato sindaco dell'Unione a Reggio Calabria, dott.Eduardo Lamberti Castronuovo, ricevo e pubblico integralmente con evidenza qui sotto, con garbo e cortesia il seguente sms (ricevuto l'1/3/ 2007 alle ore 13.16) .

Pur essendo oggettivamente offensivo e denigratorio nei miei confronti, ritengo comunque opportuna la sua pubblicazione.

Non aggiungerò alcun commento personale.

Lascio ai voi, eventualmente, il giudizio.Andrea Atzori

_________________________________________________

messaggio del dott.Eduardo Lamberti Castronuovo ad Andrea Atzori :

_________________________________________________

"Le auguro che un giorno i suoi figli possano leggere le stesse calunnie sul suo conto che oggi i miei sono costretti a vedere sul suo blog spazzatura. Si vergogni. Se lei è un giornalista io sono il Papa. Io non posso far nulla contro di lei, ma Dio c’è. E non paga il sabato. E L C"

4 commenti:

Luciano ha detto...

Sono di Reggio Calabria.....ho vissuto durante la primavera di Reggio, la legislazione Falcomatà...ebbene sono di sinistra , ma piuttosto che vedere Lamberti a palazzo San Giorgio, preferisco che ci resti Scopelliti e tutti quei cafoni del centrodestra.

Anonimo ha detto...

Da calabrese e da professionista di pubbliche relazioni vorrei esprimere la mia solidarieta' al giornalista Andrea Aztori per i messaggi offensivi e faziosi che ha dovuto ricevere sul suo blog, utilizzato strumentalmente come clava da brandire contro l'avversario politico di turno. Credo nella liberta' di espressione e nella critica costruttiva, anche se la mancanza di maturita' di chi, superficialmente, concepisce i media come arma politica determina squallidi risultati. Il senso di responsabilita' non appartiene a chi cade in questo errore.
Francesco Gallo
Dott. in Scienze della Comunicazione

Anonimo ha detto...

ma se è incapace io non l'ho direi fossi in lui di essere un giornalista...

frànco nucerà ha detto...

Luciano 6 di sinistra? fai ridere!
quante butàd in questo blog!! ve li meritate i cafoni della destra