martedì, settembre 09, 2008

DIGITALE TERRESTRE: AVANTI TUTTA


Sono ancora in vacanza, ma fortunatamente ho la possibilita' di aggiornare il mio Blog da fuori Italia, dove mi trovo ora.Infatti si sta avvicinando (mancano oramai pochi giorni) una scadenza importante per tutti noi, che pone la Regione Sardegna all'avanguardia in Europa e in particolare in tutta Italia.

Nella mia regione, in Sardegna, dal 15 al 31 ottobre 2008, tutti i canali televisivi transiteranno sul digitale. Si tratta della nuova TV del futuro: migliore qualità di immagine e suono, molti più canali e programmi visibili gratuitamente e la disponibilità di alcuni innovativi servizi di pubblica utilità riguardanti ad esempio il lavoro, i trasporti ed il tempo libero. Per agevolare questa importante fase di passaggio alla nuova tecnologia è stato predisposto un programma di interventi a favore dei cittadini. Infatti chi non ne abbia già usufruito in passato, può utilizzare un buono del valore di 50 Euro, messo a disposizione dal Ministero dello Sviluppo Economico per l'acquisto di un decoder digitale presso tutti i rivenditori che aderiscono all'iniziativa.Le notizie sul passaggio al digitale, sulle modalità di ricezione dei programmi ed eventualmente di sintonizzazione del decoder, saranno fornite dal numero verde 800.022000, attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 20, oppure saranno consultabili sul sito http://decoder.comunicazioni.it/Nel Comune di Serrenti provincia del medio campidano,in Sardegna, cosa curiosa, il passaggio al digitale avverrà con il seguente calendario (secondo dichiarazioni delle emittenti o simulazione elettromagnetica):15 ottobre 2008: Raiuno17 ottobre 2008: Canale 5, Cinquestelle, Italia 1, LA7, MTV, Nova TV, Raitre, Rete A, All Music, Sardegna 1, TCS, Telegolfo Sardegna, Teletirreno Sardegna, Videolina18 ottobre 2008: Canale 4019 ottobre 2008: Cinquestelle, TCS, Videolina21 ottobre 2008: LA7, MTV.
Ricordo dunque che per vedere tutti i canali tv in Sardegna, senza criptaggi ( geografici per i tg 3 rai regionali, avvenimenti sportivi senza i diritti per i paesi esteri e film in prime visioni) si dovra' avere necessariamente il ricevitore digitale terrestre, in vendita al modico costo (minimo)di 28 euro.Senza il ricevitore digitale terrestre nessun segnale sara' piu' visibile.Per il digitale satellitare terrestre, valgono invece tutte le limitazioni: geografiche, sportive e cinematografiche gia' ricordate.
La prima emittente sarda a passare esclusivamente sul sistema digitale terrestre, lo rammento per onore della cronaca, e' stata SUPER TV ORISTANO.

2 commenti:

Andrea Atzori ha detto...

Ho ricevuto numerosissime eemail di auguri per queste mie vacanze che stanno per finire.So che molti attendono la ripresa costante delle attivita' del mio Blog e in particolare dei video Fuorionda.Non temete sto per tornare in Sardegna.Grazie a tutti per la simpatia e le parole di stima.A presto.Andrea Atzori

Andrea Atzori ha detto...

Ancora altre news sull'argomento dall'ottimo sito che consiglio di visitare costantemente a tutti gli amanti del mondo della tv:

http://www.digital-sat.it/new.php?id=15444
......................

Si è svolto ieri 8 settembre nella provincia di Carbonia-Iglesias nell'insieme di iniziative di cui vi abbiamo informato nei giorni scorsi che vede una delegazione composta da rappresentanti del Ministero dello Sviluppo Economico (Comunicazioni), della Fondazione Ugo Bordoni, del Consorzio Sardegna Digitale, da DGTVi, RAI, Mediaset, La7, FRT, Aeranti Corallo e ISIMM, effettuare un tour nelle Province della Sardegna.

Al termine sono stati distribuiti dei fogli informativi, con tutte le date dello spegnimento del segnala analogico nella regione Sardegna.

Tutto il sud dell'isola vedrà lo spegnimento di Rai1 a partire dal 15 Ottobre. Per gli altri canali in tale data sarà coinvolta l'Ogliastra e la postazione di Punta Tricoli. Nei comuni di Arzana, Bari Sardo, Baunei, Cardedu, Elini, Gairo, Girasole, Ilbono, Jerzu, Lanusei, Loceri, Lotzorai, Osoni, Talana, Tertenia, Tortolì, Triei, Ulassai, Urzulei, Villagrande Strisaili già dal 15 Ottobre tutte le emittenti potranno pertanto riceversi esclusivamente in digitale terrestre.

Il 16 Ottobre sarà la volta di Castiadas, Muravera, San Vito, Villaputzu e Villasimius.

Il giorno dopo sarà il Serpeddì e ponti collegati ad essere coinvolti, quindi buona parte della provincia di Cagliari, del medio campidano e la zona occidentale dell' iglesiente potrà ricevere i canali esclusivamente in digitale terrestre

Il 18 Ottobre, i segnali analogici saranno spenti su Campuspina e Sa Scrocca Manna e pertanto Carbonia e tutto il basso sulcis saranno interessate allo spegnimento.

I centri della marmilla saranno coinvolti il 19 ottobre, mentre nella giornata seguente sarà la volta di Buggerru e Fluminimaggiore.

Il 21 Ottobre sarà la volta di Badde Urbara e Ortobene, pertanto è coinvolta buona parte della provincia di Nuoro e dell'oristanese e alcune limitate zone della provincia di Sassari.

Chiaramente sia in questa data che nelle altre, possono essere coinvolti anche altri comuni coperti solo in minima parte dalle postazioni interessate ossia dove la ricezione è possibile da più ponti. Ad esempio i ponti locali di Bosa, Gavoi e Aidomaggiore saranno coinvolti dal 22 Ottobre, ma questi centri sono raggiunti anche da Badde Urbara e Ortobene.

Il giorno seguente sarà la volta di Posada, Siniscola, Torpè mentre il 24 Ottobre è previsto l'interessamento parziale di alcuni comuni della Marmilla e dell'Oristanese.

Per il 27 Ottobre Alghero, Sassari, Porto Torres, Sennori e centri limitrofi potranno ricevere le trasmissioni solo in digitale, mentre lo spegnimento di Rai1 interesserà quasi tutti i centri del nord dell'isola, compresa la provincia di Olbia-Tempio.

Il giorno seguente sarà la volta di chi riceve dal Limbara, mentre per i giorni 29, 30 e 31 sempre nel nord Sardegna quando saranno interessate le ultime postazioni con il coinvolgimento parziale di diversi comuni.

Quanto descritto sopra vuole essere solo una sommaria anticipazione e potrebbe essere soggetto a variazioni o errori.

Raccomandiamo pertanto di verificare nel sito www.decoder.comunicazioni.it o chiamare al numero verde 800.022.000 attivo dal lunedì al sabato, escluso i giorni festivi, dalle ore 08.00 alle ore 20.00