mercoledì, novembre 04, 2009

Intervista e Fuorionda dal Tg5
" CONDURRE IL TG ? TROPPO BELLO..."
Lorenzo Montersoli racconta la chiamata
del direttore Clemente Mimun



(Fuorionda inedito esclusivo di Lorenzo Montersoli Tg5)

Trasuda passione ed entusiasmo per la professione giornalistica da ogni sua parola. Anche lui è uno dei protagonisti delle innovazioni del Telegiornale di Canale 5, fortemente voluti dal direttore.In questa intervista esclusiva Lorenzo Montersoli (redazione economia Tg5) ci racconta proprio, con grande soddisfazione, di quando inaspettatamente Clemente Mimun lo ha chiamato al telefonino "lanciandolo" per la conduzione dell'edizione notte del telegiornale.In questa intervista ci spiega anche nel dettaglio la messa in onda errata del tg registrato (condotto da Fabio Tamburini) di qualche sera fa e dice: "è stato un caso sfortunato". Ma ecco l'intervista completa.
1-Prima di arrivare al Tg5 che esperienze giornalistiche hai avuto ?
Ho fatto la gavettaccia iniziando poco più che ventenne come giornalista volontario (zero compenso, solo la promessa del tesserino da pubblicista) in una radio fiorentina, Tuttoradio. Un paio di anni e sono passato a lavorare (mi pagavano pure) in una tv modenese, Telemodena. Facevo di tutto: servizi di cronaca, politica, sport, spettacolo oltre a condurre il telegiornale e un talk show di approfondimento. E’stata un’esperienza importantissima, la bottega dell’artigiano dove si imparano i rudimenti del mestiere. Mi sono trasferito a Milano per un breve passaggio nelle redazioni del Corriere della Sera e di Radio Capital poi, una volta laureato, sono arrivato a Mediaset per uno stage. Era il 1996 e qui sono rimasto diventando giornalista professionista. Prima ho lavorato a Verissimo (quando era un programma del Tg5) facendo per diversi anni l’inviato di cronaca, poi sono passato a Roma nella sede centrale del Telegiornale. Ora sono nella redazione di economia del Tg5 e ne sono felicissimo.


(Eccolo all’opera in una delle sue prime neo conduzioni del Tg5, edizione notte, Lorenzo Montersoli)

2 - Sei uno dei protagonisti di quella che viene chiamata “rivoluzione” Mimun.Come la stai vivendo?
I colleghi che non conducono più sono grandi professionisti cui il Direttore sicuramente non intende rinunciare. Credo che verranno affidate loro altre mansioni ugualmente prestigiose in modo da sfruttare pienamente le enormi capacità maturate in tanti anni di lavoro ai massimi livelli. Certo dispiace smettere di condurre soprattutto quando lo si fa da molto tempo e si è riusciti a stabilire con i telespettatori un rapporto di fiducia. Condurre il telegiornale, sarebbe da ipocriti negarlo, è una soddisfazione per la quasi totalità dei giornalisti televisivi. Per questo motivo non posso altro che vivere bene quella che chiami “rivoluzione Mimun”. E poi è stato troppo bello come e perché il Direttore mi ha proposto di condurre l’edizione del Tg5 della notte. Un giorno mi chiama sul cellulare (telefonata del tutto inaspettata) e mi dice: “vuoi condurre? Sei uno che lavora sodo e non chiede mai nulla, quindi ho pensato a te”. Posso giurare che è vero. Stimavo Mimun, da quel giorno lo stimo ancora di più.

3-Raccontaci il tuo esordio in conduzione e quali le differenze dal fare l’inviato.
Mi sembra che per essere l’esordio sia andato bene. Condurre un tg per tanti aspetti è un mestiere come un altro. Come in tutte le professioni acquisendo esperienza si fanno le cose con maggiore sicurezza. Così anche nell’ovattata solitudine di uno studio televisivo impari a guardare dentro l’obbiettivo della telecamera che ti inquadra come guarderesti e parleresti con un amico.
Le differenze che ci sono con il mestiere di inviato sono un’infinità, ma è tutto giornalismo. Nel lanciare un servizio il linguaggio del volto e del corpo, le parole che si usano sono elementi importantissimi. Ma chi davvero racconta la notizia è il collega che è uscito dalla redazione, che ha intervistato, scritto e montato. Sono entrambi aspetti del nostro lavoro che mi appassionano in uguale misura.



4-Dopo l’errore di un tecnico che ha messo in onda per distrazione un tg5 notte registrato del tuo collega Fabio Tamburini (con una sua papera gigantesca) il direttore ha deciso di non farvi più registrare i Telegiornali. Che ne pensi?
Qui la cosa va spiegata bene. Penso che i telegiornali abbiano senso solo in diretta. Quella sera c’erano dei problemi tecnici che ci hanno consigliato di registrare l’edizione per essere sicuri che andasse in onda. Sempre per un problema tecnico è stata mandata in onda la registrazione di una prova che durava 20 secondi. E’ stato un caso sfortunato visto che andiamo sempre in diretta e forse proprio per questo motivo, per l’eccezionalità della cosa, il tecnico della messa in onda ha commesso un errore facendo fronte a una situazione inconsueta.



video
5-Come si sa la maggior parte delle cose divertenti dei fuorionda riguardano i problemi tecnici. Tra i fuorionda che ti hanno visto protagonista su questo blog, uno riguarda il tuo rapporto con un auricolare. Ce lo racconti ?
Ero in collegamento da palazzo Chigi per un accordo Governo-sindacati su Alitalia. Metto l’auricolare per collegarmi in diretta ma nel timpano mi arriva un suono terrificante. In queste situazioni le tensioni sono già molte. Le notizie si susseguono a pochi secondi dall’edizione e tu - in diretta da un marciapiede con dietro gli autobus che passano, quelli che salutano, la possibile performance del solito paolini, quello in motorino che per poco mi mette sotto - devi cercare di non dire una fregnaccia a qualche milione di persone su un tema importante e delicato come Alitalia. Insomma non è semplicissimo. Aggiungi che mentre mi preparo e mi concentro sulle cose da dire, mi arriva nell’orecchio la cosiddetta “nota” (il segnale audio di riferimento) sparata a intermittenza a tutto volume. Ecco, è già molto che a differenza di altre volte, non sia scoppiato in uno scatto di ira furibonda.

(Lorenzo Montersoli è anche noto per la sua microfonata al fastidioso disturbatore dei giornalisti Gabriele Paolini, video Striscia La Notizia)

6-Cosa pensi del mio Blog Fuorionda News ?
Mi chiedo: come fai? Cioè dove trovi il tempo e il materiale. Mi complimento con te perché il Blog è davvero divertente. Confesso che lo guardo con una certa assiduità e ti assicuro che la stessa cosa fanno molti miei colleghi. Bravo Andrea!

(Grazie a Lorenzo Montersoli per la sua disponibilità).

Nessun commento: