lunedì, agosto 06, 2007

TG: CONDUTTORE DOPPIO O UNICO?













Per condurre il Telegiornale è meglio un conduttore unico o due?
Per TG 5, Sky TG 24, Sport Italia e Reggio Tv è ormai un'abitudine consolidata mandare in onda due giornalisti a leggere il tg.
I principali tg (quasi sempre l'edizione delle 20 tranne per RTV che invece lo fa all'edizione delle 14) di queste emittenti sono infatti letti da 2 conduttori: un uomo e una donna.
Addirittura Sky Tg 24 una volta ha fatto un Tg alle 20 condotto da ben 5 donne.Una vera innovazione che non credo abbia mai ripetuto.
Infatti il conduttore unico è sicuramente nel solco della tradizione.
Nessun Tg della Rai, che io sappia, è mai andato in onda con due conduttori.Solo qualche speciale per singolo evento è stato realizzato a due voci.Unico esperimento una volta ricordo quello del TG3 (nazionale) che nell'edizione serale faceva una parta da Roma e una da New York dove lo schermo era diviso in due (come per le interviste doppie delle "Iene").
Ma una vera novità potrebbe essere quella della doppia conduzione maschile, che ancora nessuno, proprio nessuno, ha sperimentato.
Importante nella decisione sul conduttore unico o doppio pesa ovviamente anche lo studio che si ha a disposizione per fare il TG.Nella mia foto vedete quello, molto bello, del TG5.

E voi da telespettatori (o da telegiornalisti che siete) che conduzione preferite?

8 commenti:

Anonimo ha detto...

a due è più carino, sembra che si chiaccheri e quindi noi telespettatori capiamo meglio quello che dite.

Andrea Atzori ha detto...

Più carino ok, d'accordo.
Ma davvero si capisce di più?

Antonino Monteleone ha detto...

Se i conduttori sono all'altezza meglio in due.

Anche se il TG1 non riesco nemmeno ad immaginarlo in doppia conduzione!

Andrea Atzori ha detto...

Perchè no il TG1?
E' un tg come un altro no?
Perchè è troppo tradizionalista?

FRANCESCO ha detto...

Vada per la doppia conduzione... o ''mono'', resta pur sempre importante il modo in cui l’informazione viene veicolata, a parte – naturalmente – la qualità del prodotto notizia, fondamentale in un “giornale” parlato, immediatamente assimilabile da chi osserva e ascolta da casa. Comunque, visto che sei stato così bravo a coinvolgermi nell’argomento non mi asterrò dall’intervenire sulla questione: ricordando, innanzitutto, ai lettori del tuo blog come all’origine della doppia conduzione uomo-donna, importata dal modello americano, ci sia come scopo quello di rendere meno “pesante” il passaggio da una notizia all’altra, quasi a trasformare in uno show dinamico il telegiornale. Pregi e difetti, come sempre, non mancano. E siccome rimaniamo “intra” confini nazionali è pur vero che l’idea della dinamicità “anglosassone” contro la staticità del mezzobusto piantonato sulla sua scrivania, in Italia, salvo qualche rara eccezione (su tutte la “storica” coppia Carelli-Buonamici rappresenta un caso a sé), non è definitivamente decollata. Nonostante i due volti, il più delle volte piacevoli anche per aspetto, infatti, spesso e volentieri, è come assistere al tradizionale telegiornale all’italiana con due telegiornalisti intenti più a farsi ciascuno i fatti propri che a interagire tra loro e quindi con i telespettatori.
Infine, se mi permetti, vorrei tornare anch’io indietro nella memoria delle doppie conduzioni in Italia. È vero che il primo fu il TG5 a introdurle, ma una “timida” esperienza in RAI la fece anche il TG2 nel 2002 (edizione delle 13) poi tornato alle origini. Doppia conduzione introdotta di recente anche in alcuni notiziari di Rainews24. Ma rimanendo sempre in tema di novità (anche se la doppia conduzione da noi non lo è più), semmai novità potrebbe essere ciò che da più tempo tu proponi: ossia vedere in video, per un TG, due volti maschili. Vorrei ricordarti come esperimenti simili (un solo sesso due volti in video) siano già stati fatti ad esempio a Reggio Calabria, esattamente presso l’ultima emittente locale nata in riva allo stretto, GS Channel (adesso passata alla mono-conduzione) che ha proposto in video, in più occasioni agli inizi delle sue trasmissioni, contemporaneamente ben due donne.

Andrea Atzori ha detto...

Grazie Francesco per il tuo prezioso contributo.
E forse ho capito chi sei...(Siamo stati colleghi?)
Bene, allora mi sembra che siamo tutti o quasi d'acordo per la doppia conduzione.
Il tg è meno pesante, più interessante.
Si ricordo bene le due donne di Gs, ma come ho detto io anche le 5 donne conduttrici di Sky Tg 24 hanno rappresentato già un evento enorme.
Ora dunque solo la doppia conduzione maschile potrebbe rappresentare una vera novità.
Non pensi?

Andrea Atzori ha detto...

Francesco, ma come a RTV non fate più la doppia conduzione fissa alle 14??
Come mai??
Da quando?

francesco ha detto...

Beh, circa la tua proposta non vedo cosa ci sia di male! Certo chissà quale sarebbe l'impatto però!
Per quanto riguarda il resto: a RTV, rimane immutata la formula. Alle 14 per il TG sempre doppia conduzione.
Alla "mono" è passata invece GS, come ho ricordato, sopra, nel mio intervento.